Biancheria intima per donne e uomini

Il termine “biancheria intima” indica tutti quei capi d’abbigliamento che si indossano sotto i vestiti. Si pensa che la “biancheria intima” sia nata nell’antico Egitto, nel momento in cui le nobil donne iniziarono ad abbigliarsi con delle tuniche aderenti al corpo per coprire le parti intime per l’appunto, come se indossassero una sottoveste. 

Ovviamente tra donne e uomini ci sono differenti capi.

L’intimo femminile lo possiamo dividere in tre categorie, parte superiore, parte inferiore e tutto il corpo;
Per la prima categoria abbiamo:

-Reggiseno (con o senza ferretti, a balconcino, push-up, fascia ect…) ha il compito di coprire e sostenere il seno, è costituito da due coppe cucite tra loro attraverso un pezzetto di stoffa, e sostenute da spalline regolabili. Hanno varie misure che si calcolano in base alla circonferenza del torace e quella del seno, mentre le dimensioni delle coppe si riferiscono al volume del seno che devono contenere.

-Bustier o bustino, è un corpetto completo di coppe e sostenuto da stecche laterali che copre fino all’ombelico con la funzione di tener dritto il busto sostenendo il seno.

Per la parte inferiore c’è il classico slip (che ovviamente possiamo trovare di dimensioni e tessuti vari a secondo delle necessità, come quello per donne incinte, quello igienico, contenitivo ect…) oppure:
-Brasiliana, uno slip sgambato unito sui fianchi da un elastico sottile che sia nella parte anteriore che in quella posteriore si unisce formando un triangolo delle stesse dimensioni.
-Perizoma, uguale al precedente tranne che per la parte del sedere che rimane quasi del tutto scoperta.
-Tanga, anch’esso simile alla brasiliana ma con una sottile striscia di tessuto posteriormente.
-Culotte, simili a pantaloncini in quanto coprono i fianchi arrivando fin sotto i glutei.
Per tutto il corpo ci sono:

-Body, indumento che copre completamente il busto restando aderente al corpo, dalla parte superiore come un reggiseno scendendo come una canottiera per terminare come uno slip.
-Sottoveste o sottana, come dice lo stesso nome viene indossato sotto un vestito o ad una gonna.
-Guaina, un indumento contenitivo ed elasticizzato che serve per contenere il corpo e le forme di chi lo indossa in quanto copre dal seno, ai fianchi fino ad arrivare al sedere rendendo la figura snella. Di questo stesso capo ci sono modelli differenti come quella a mutandina, a cavallo aperto e quella stringivita.

-Guepierre, è un bustino allungato che comprende un reggicalze.

-Baby-doll, una specie di camicetta corta coordinata ad uno slip, nato come indumento da sostituire al pigiama, oggi considerato molto sexy e provocante in quanto lascia scoperte molte parti del corpo femminile.

Potrebbero essere considerate biancheria intima anche le Giarrettiere, una striscia di stoffa usata per sostenere le calze posta su una coscia sola, hanno praticamente la stessa funzione dei Reggicalze, che però è più simile ad una cintura in quanto si indossa in vita, e ha delle bretelline regolabili che scendono sulle cosce con dei gancetti sulle stremità al fine di tenere le calze. Potrebbero far parte di questa categoria anche
-calze,
-collant,
-gambaletti.

Per gli uomini la scelta è molto più ristretta, per la partire superiore la scelta va da magliette a canottiere, per la parte inferiore invece ci sono:

-i classici Slip.

-Boxer, simili a pantaloncini da pugili (dal quale prendono il nome inglese).
-Perizoma, come quello femminile.

Articolo informativo offerto gratuitamente da:

http://www.baronionline.it/
Via Mazzini, 83
25020 – Alfianello, Brescia
Tel 030 9305951
P.IVA 00710520982